Il Premio Rally Automobile Club Lucca verso la gara “di casa”: grande fermento in vista della 57^ Coppa Città di Lucca

È in piena evoluzione, la classifica relativa al Premio Rally Automobile Club Lucca. La serie promossa dall’istituzione automobilistica provinciale, giunta alla sua diciassettesima edizione, si presenterà allo “start” del suo appuntamento più partecipato – la 57^ Coppa Città di Lucca, in programma nei giorni 29-30 luglio – preannunciando agonismo in tutte le sue espressioni. I punteggi assegnati dopo il Rally di Reggello, ultimo appuntamento disputato, hanno confermato la leadership di Claudio Fanucchi tra i piloti. Il driver lucchese, al volante della Renault Clio R3, ha concretizzato al meglio l’impegno sviluppato sulle strade del Valdarno fiorentino garantendosi la vittoria di classe. Una performance che ha lui permesso di acquisire ulteriore vantaggio nei confronti del primo inseguitore, Andrea Simonetti, assente a Reggello e distante tredici punti alla “vigilia” della gara di casa. Ha mantenuto la terza posizione in classifica, pur dovendo rinunciare alla partecipazione al Rally di Reggello, Matteo Lencioni. Due, le lunghezze che separano la “terza forza” da Andrea Simonetti, a conferma di una situazione di classifica in grado di garantire all’appuntamento casalingo il miglior biglietto da visita.

Sette, invece, i punti di vantaggio che stanno regalando a Silvia Barsotti il comando della classifica copiloti. La codriver, capofila anche nel confronto femminile, ha archiviato il Rally di Reggello centrando il massimo obiettivo di classe N3, su Opel Astra GSI. Un primato valso il consolidamento del vertice del confronto femminile, con Tania Bernardi compartecipe del risultato conquistato da Claudio Fanucchi ad inseguirla con poco meno di nove punti di ritardo. Una leadership, quella conseguita da Silvia Barsotti, che ha visto retrocedere di una posizione Fabrizio Vecoli, adesso secondo con un solo punto di vantaggio su Ronny Celli. Per entrambi i competitor, assenti a Reggello in virtù del concomitante impegno del Rally di Alba, la Coppa Città di Lucca rappresenterà una valida occasione di recupero.

Le iscrizioni alla 57^ Coppa Città di Lucca saranno aperte fino a mercoledì 20 luglio. Un’attesa che sta evidenziando grande fermento, con l’appuntamento valido per la Coppa Rally di Zona tornato a celebrare l’arrivo davanti allo storico Caffè della Mura, scenario che ha contraddistinto negli anni la gara, tra le più apprezzate nel panorama rallistico nazionale.

Pier Luigi Fontana riparte: ad ottobre percorrerà la Lima – Capo Horn

Pier Luigi Fontana, erede della grande tradizione motoristica e imprenditoriale lucchese, è già pronto per affrontare la Lima – Capo Horn in programma il prossimo ottobre. Un’impresa che ha dell’eroico e che Fontana affronterà, accompagnato dal navigatore Michele Lumbroso, a bordo della sua Fiat 2003S Coupé del 1966: la stessa macchina che lo ha accompagnato, nel 2019, nell’altra gloriosa traversata, la Pechino-Parigi e, nel 2021, nel Tour de Corse.
Un vero e proprio rally, con prove di velocità, che attraverserà Perù, Bolivia, Cile e Argentina per arrivare alla fine del mondo, nella Terra del fuoco.

«L’emozione è incredibile – commenta Fontana – e l’impazienza inizia a farsi sentire. Abbiamo affidato la macchina alle mani esperte dell’officina di Mauro Prampolini di Carrara, tecnico che ha lavorato prima in Ferrari e poi in Lamborghini, la stessa che aveva preparato la vettura per la Pechino-Parigi. L’auto, dopo la grande traversata asiatica, è stata totalmente smontata, rifatta e rivista per essere oggi estremamente performante. Adesso è pronta a partire alla volta del Sud America: intorno alla metà di luglio, infatti, verrà dirottata su Londra, qui verrà verificata e poi imbarcata per l’America Latina. Noi la rivedremo il 18 ottobre, quando la raggiungeremo in Perù, pronti per partire per questa emozionante avventura. Avremo due giorni di tempo per ambientarci poi via con la prima tappa: da Lima arriveremo a Urubamba. Ci aspettano paesaggi spettacolari, strade bianche per il 30 per cento del percorso e strade asfaltate: ogni giorno saremo impegnati in una tappa, mentre la sera alloggeremo in alberghi e locande. Sarà un’esperienza unica, intensa, che non solo ci porterà a scoprire luoghi incredibili, ma ci accompagnerà anche alla scoperta di noi stessi, dei nostri limiti, dei nostri desideri».

IL PERCORSO. Oltre 11 mila chilometri da percorrere in 30 giorni: l’arrivo a Ushuaia, infatti, è fissato per il 22 novembre. Trenta tappe tra il Perù, la Bolivia, le Ande (con un’altezza media di 3650 metri e punte di 5000 metri), il Cile, l’Argentina, attraversando zone desertiche, vallate lussureggianti, scenari mozzafiato come il Salar de Uyuni, il lago Titicaca,  Machu Picchu e molto altro per arrivare alla fine del mondo, nella Terra del fuoco. Un vero e proprio rally con tempi e percorrenza e ogni giorno, in Argentina, gli equipaggi avranno la possibilità di gareggiare in autodromo con prove di velocità pura. Gli equipaggi saranno massimo 50: al momento gli italiani iscritti sono 3.

I PROTAGONISTI. Pier Luigi Fontana non è nuovo a imprese di questo tipo: nel 2019, insieme a Giulio Bertolli ha conquistato la Pechino-Parigi. Fontana porta ancora avanti quella passione motoristica di tradizione tutta lucchese che vedeva il padre, Eugenio Fontana, correre insieme a Brivio, Trozzi, Arcangeli e Nuvolari. Torna a bordo della coupé accompagnato questa volta dal navigatore Michele Lumbroso, grande conoscitore delle auto storiche, consigliere e commissario tecnico del Club Balestrero.

A sostenere i due “avventurieri”, l’Automobile Club di Lucca e, in particolare, il presidente Luca Gelli, il direttore, Luca Sangiorgio e il delegato di Aci Arancio, Luca Ciucci: «Pier Luigi mette in tutto quello che fa passione, rispetto per la tradizione, cultura, coraggio e amore per questo mondo. Lo sport motoristico lucchese, e nazionale, è perfettamente rappresentato da quest’equipaggio che non conosce indugi o timori. A loro vanno tutto il nostro sostegno e il più grande in bocca al lupo».

Sui chilometri della 57^ Coppa Città di Lucca: le caratteristiche delle prove speciali

“Pizzorne”, “Boveglio” e “Bagni di Lucca”: tre location che garantiranno una degna ambientazione alla 57^ Coppa Città di Lucca, appuntamento che – venerdì 29 e sabato 30luglio – punterà i riflettori del motorsport sulle strade della provincia. Tre tratti che, sviluppati in più passaggi, garantiranno al cronometro della Coppa Rally di Zona sessantacinque chilometri, “disegnati” da Automobile Club Lucca in concerto con Maremmacorse 2.0 e New Lucca Corse. Asfalto passato sotto la lente d’ingrandimento di Massimiliano Bosi, fiduciario provinciale AC Lucca e copilota di livello internazionale.
 
Pizzorne, 11.52 km
 
“Una classica del nostro rally, caratterizzata da una prima parte in salita con carreggiata stretta; lì non vi è alcuna possibilità di impostare traiettorie diverse. La parte centrale inizia da una chicane e sarà molto divertente per il pubblico poiché vi sono molti punti di accesso per poter godere dello spettacolo in tutta sicurezza. Il tratto finale è quello più significativo della prova, quello in grado di esaltare chi ha grande conoscenza del mezzo a disposizione, dove chi sa guidare meglio potrà fare la differenza. Una prova che, sicuramente, lascerà il segno”.
 
Boveglio, 10.28 km
 
“È la prova speciale che preferisco, in quanto vanta una lunghezza equa tra salita e discesa. La definisco molto guidata, dove chi riesce ad impostare la miglior traiettoria potrà porsi in evidenza sul cronometro. Pur non avendo a disposizione una vettura di grandi potenzialità, qui è possibile far registrare tempi interessanti. Il tratto finale è molto veloce, per questo abbiamo aggiunto una chicane per abbassare la media nella sua fase più importante, la stessa che – nei suoi ultimi due chilometri- presenta un cambio di ritmo. La differenza, su questa prova, la farà comunque la salita e non certo la discesa”.
 
Bagni di Lucca, 10.77 km
 
“Una prova che abbiamo già proposto lo scorso anno, con le stesse modalità. È una speciale difficile, è facile sbagliare. Il tratto iniziale presenta asfalto sconnesso, migliorato grazie ad operazioni di ripristino effettuate durante l’anno. C’è velocità più che guida, fino a quando si inizia a salire affrontando tornanti molto lenti, quelli che spezzano il ritmo ed impongono traiettorie comunque obbligate. In quei frangenti è importante impostare bene il tornante per uscire il più veloce possibile. La situazione cambia nella parte finale, in piano e con un bel dosso: qui serve coraggio per poter far registrare un buon tempo. Oggettivamente è la prova speciale più difficile, quella dove si commettono più errori”.
 
Le procedure di iscrizione alla 57^ Coppa Città di Lucca saranno accettate fino a mercoledì 20 luglio, termine ultimo per poter accedere al quinto appuntamento della Coppa Rally di Zona 6. Grande, la soddisfazione espressa da Massimiliano Bosi una volta chiamato ad analizzare le nuove linee della gara:
 
“La centralità di Automobile Club Lucca nell’organizzazione dell’evento, con la partenza da Via Catalani, davanti alla sua sede, è un aspetto che – da fiduciario provinciale – mi rende particolarmente orgoglioso. Stiamo continuando a lavorare per poter offrire ai nostri licenziati un prodotto che garantisca loro la possibilità di divertirsi, cercando di migliorare anno dopo anno. Questo obiettivo si raggiunge curando i particolari, cercando le migliori soluzioni come partenza ed arrivo, riordini e parco assistenza. Ci sono poi aspetti legati all’allestimento delle prove, a tutto quello che riguarda il contorno relativo ai servizi ed al personale. Abbiamo lavorato per curare i rapporti con l’universo che ruota attorno ad Automobile Club Lucca. Siamo soddisfatti, la strada intrapresa credo sia quella giusta”.
 
Tutte le informazioni sono disponibili sul sito ufficiale della manifestazione, all’indirizzo http://www.coppacittadilucca.it
 

Coppa Città di Lucca: al via le iscrizioni

È entrata nella sua fase più vivace, la 57^ Coppa Città di Lucca. La gara, organizzata da Automobile Club Lucca in concerto con Maremmacorse 2.0 e Nuova Lucca Corse – in programma venerdì 29 e sabato 30 luglio – sta vivendo una fase di grande fermento, accentuato dall’apertura delle procedure di iscrizione, prevista per mercoledì 29 giugno. Una “classica”, da sempre, per il rallismo regionale, catalizzatrice di interesse anche da parte degli esponenti della disciplina provenienti da fuori Toscana. Un appuntamento che, in virtù della sua collocazione temporale, gode di una posizione di rilievo nella Coppa Rally di Zona 6, contesto che ha assegnato alla provincia di Lucca il ruolo di cornice del suo quinto appuntamento stagionale.

Ci sarà tempo fino a mercoledì 20 luglio, per garantirsi la partecipazione al confronto, strutturato sulle particolarità proposte da un territorio che – da sempre – trasuda passione per il motorsport.

LE PROVE SPECIALI: DUE “GIRI” DI GRANDI CONTENUTI

Saranno “Pizzorne”, “Boveglio” e “Bagni di Lucca” a coinvolgere gli appassionati ed i “primattori” della 57^ Coppa Città di Lucca. Tre prove speciali che, ripetute per due volte, garantiranno un chilometraggio cronometrato di sessantacinque chilometri, con partenza da Via Catalani – proprio di fronte alla sede di Automobile Club Lucca – ed arrivo al Caffè delle Mura, location che già preannuncia il pubblico delle grandi occasioni. La gara sarà strutturata in un’intera giornata, con la bandiera tricolore pronta a sventolare alle ore 14:11 di sabato 30 luglio per mano del direttore dell’istituzione automobilistica provinciale Luca Sangiorgio. L’arrivo, programmato per le ore 21:39, garantirà all’appuntamento valido per la Coppa Rally di Zona 6 e per il Premio Rally Automobile Club Lucca una cornice di grande impatto, attesa a più riprese dopo lo stop imposto dallo stato emergenziale legato al Covid-19. Ad alzare i toni, nelle fasi successive alle operazioni di verifica tecnico sportiva, saranno i chilometri “disegnati” per lo shakedown, aperto ai concorrenti dalle ore 16 alle ore 20 di venerdì 29 ed ambientato in località Mutigliano.

Il cuore dell’evento, sede di Direzione Gara, Segreteria e Sala Stampa, sarà proprio Automobile Club Lucca, a conferma della bontà di un progetto che vede l’ente provinciale sempre più “casa degli sportivi lucchesi”. A disposizione dei team per le operazioni di parco assistenza, saranno adibiti gli ampi spazi di Via Don Baroni, nell’area che da anni è parte integrante della manifestazione e che è in grado di garantire un’adeguata accoglienza all’appassionato pubblico previsto. Un format snello ma che – nell’arco di due giorni – garantirà al territorio le sensazioni positive garantite a quella che è divenuta una “classica” dell’estate rallistica toscana, capace di attirare l’interesse del panorama nazionale. Un evento pronto ad abbracciare – oltre a Lucca – i comuni di Bagni di Lucca, Villa Basilica e Capannori.

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito ufficiale della manifestazione, all’indirizzo http://www.coppacittadilucca.it

Le iniziative di AC Lucca a sostegno del motorsport: test rally e corso di primo soccorso

Sabato 9 luglio, programmato un test collettivo in vista dell’appuntamento valido per la Coppa Rally di Zona, ambientata nel comune di Pescaglia. Giovedì 14 luglio serata dedicata alle manovre di primo soccorso, ambientata nei locali dell’ente ed in collaborazione con Florence Information.

Sarà all’insegna di due ambiziose iniziative, la programmazione di Automobile Club Lucca proposta nella fase di avvicinamento ad uno degli eventi più attesi del rallismo nazionale, la 57^ Coppa Città di Lucca. L’istituzione automobilistica provinciale ha promosso – per l’intera giornata di sabato 9 luglio – sessioni di test collettivo ambientati nel comune di Pescaglia, località Pascoso, location che vedrà gli interessati fruire di parte della prova speciale “San Rocco”, messa a disposizione per circa tre chilometri dalle ore 9 alle ore 12:30 e dalle ore 13:30 alle ore 18. L’occasione, per i praticanti attesi allo “start” dell’appuntamento valido per la Coppa Rally di Zona, in programma nei giorni 29-30 luglio, di poter testare in assoluta sicurezza le vetture ad un prezzo competitivo.

Un mese di luglio che non guarderà esclusivamente all’aspetto agonistico: Automobile Club Lucca – nell’ottica di valorizzare ulteriormente la tempestività e la competenza mostrata da alcuni conduttori iscritti al Rally Internazionale del Taro nel soccorrere un commissario di percorso colto da malore – ha messo a calendario una serata dedicata interamente alle operazioni di primo soccorso. Una proposta che – giovedì 14 luglio alle ore 21 – vedrà coinvolta anche Florence Information, società di formazione della rete Almarei, al centro di una sessione didattica ambientata negli ampi spazi messi a disposizione dall’ente, nella sede di Via Catalani ed aperta agli interpreti del motorsport provinciale (conduttori ed ufficiali di gara) previa prenotazione alla mail segreteria@lucca.aci.it.

Tutte le informazioni sul test collettivo sono disponibili all’interno del sito www.aciluccasport.it ed attraverso la casella mail soci@lucca.aci.it

Il Premio Rally Automobile Club Lucca verso il Rally di Reggello: tra i piloti, è testa a testa tra Andrea Simonetti e Claudio Fanucchi

È cortissima, la classifica del Premio Rally Automobile Club Lucca redatta a conclusione del Rally Valdinievole e Montalbano, appuntamento che ha confermato grande incertezza negli equilibri che stanno interessando i conduttori della provincia, interpreti in ambito regionale.

A comandare la classifica piloti – presentando la diciassettesima edizione della kermesse alla pedana di partenza del Rally di Reggello – sono Andrea Simonetti e Claudio Fanucchi, esponenti della classe R3 su Renault Clio. Una categoria, quella riservata alle vetture “2000” d’oltralpe, testimone della seconda posizione espressa da Claudio Fanucchi sulle strade pistoiesi e della quarta piazza conquistata da Andrea Simonetti. Risultati che hanno generato l’ex-aequo dei due piloti lucchesi in vetta alla classifica, con Matteo Lencioni ad inseguire, attardato da solo due lunghezze grazie al primato di classe A0 conquistato sulle prove speciali valdinievoline, al volante di una Fiat Seicento.

Un solo punto, invece, sta regolando la classifica copiloti: Fabrizio Vecoli mantiene la leadership su Ronny Celli e Silvia Barsotti – leader della classifica femminile – insegue con otto lunghezze di ritardo. Un terzetto che non ha usufruito della possibilità di acquisire punteggio nella competizione ambientata tra Larciano e Lamporecchio. A muovere la classifica hanno così pensato Simone Marchi – quinto di classe Rally4 – e Roberto Lencioni, vincitore della A0, entrambi appaiati a cinque punti dalla terza posizione provvisoria occupata da Silvia Barsotti.

Per i conduttori iscritti al Premio Rally Automobile Club Lucca, il prossimo Rally di Reggello – Città di Firenze rappresenterà una valida occasione per assecondare le proprie aspettative, essendo il confronto impreziosito dal coefficiente di 1.5. Un biglietto da visita importante in vista dello “start” dell’appuntamento valido per la Coppa Rally di Zona, in programma nei giorni 25-26 giugno.

Aci Lucca in cifre: confermato il 9° posto in Italia

Aci Lucca si conferma nella top-ten delle delegazioni italiane anche per il 2021. Nell’annuale assemblea dei soci, che si è tenuta oggi, giovedì 28, alla presenza del presidente Luca Gelli e del direttore Luca Sangiorgio, è stato presentato il rendiconto dello scorso anno: crescono i soci, che superano quota 20mila e confermano Lucca al 9° posto in Italia, cresce l’impegno dell’ente nell’organizzazione di eventi sportivi di altissimo livello, si consolida il radicamento sul territorio, a supporto delle istituzioni, degli eventi e dell’educazione stradale.
Un applauso particolarmente emozionato è stato rivolto proprio al presidente, Luca Gelli, che sta gradualmente tornando alla normalità dopo un lungo periodo di assenza dovuto a seri problemi di salute.

«Nonostante le difficoltà, gli ostacoli e la pandemia – commentano il presidente Luca Gelli e il direttore Luca Sangiorgio – siamo riusciti a chiudere con grande successo anche il 2021. Ci confermiamo nella top ten degli Automobile Club a livello nazionale, superando città ben più grandi della nostra. Grazie all’impegno, al lavoro e alla presenza sul territorio, abbiamo ottenuti ottimi risultati anche in termini di fidelizzazione e di nuovi soci Aci Sara. Un capitolo a parte è quello che riguarda lo sport: nel 2021 abbiamo organizzato 3 rally. Il Carnevale, che è tornato dopo anni a colorare le strade della Versilia, il Coppa Città di Lucca e il Ville Lucchesi, ormai momenti consolidati nel calendario motoristico nazionale: tre appuntamenti che hanno dimostrato tutta la coesione e la forza di cui il nostro Club e la nostra grande famiglia è capace. Il 2022 segna un anno di netta ed effettiva ripartenza che ci ha già visto impegnati su molti fronti: su quello sportivo, con la corsa del Carnevale a febbraio, su quello della cultura, con la stretta collaborazione con la Fondazione Barsanti e Matteucci, su quello dell’educazione e della formazione ai più giovani, con i corsi di sicurezza stradale nelle scuole del territorio. Siamo al lavoro per i prossimi eventi che ci aspettano e puntiamo a confermare il trend positivo che ha contraddistinto gli ultimi anni. Ringrazio, quindi, tutti i delegati e il personale dei nostri uffici per non aver mai smesso un momento di lavorare fianco a fianco ai nostri soci e clienti».

ACI LUCCA IN CIFRE. L’ente di via Catalani, al 31 dicembre 2021, ha registrato 20.454 soci: 656 in più rispetto al 2020, per un aumento percentuale del 3,3%. Un risultato eccellente che proietta Lucca al 9° posto su scala nazionale, irrobustito anche dal 65% di fidelizzazione dei soci (ovvero coloro che rinnovano in automatico la sottoscrizione): percentuale che supera nettamente la media italiana, ferma al 27%.

LE DELEGAZIONI. Positivi anche i risultati delle singole delegazioni, con cinque uffici tra le prime 25 in Italia: Viareggio, in 2° posizione, Pietrasanta (8°), Lunata (15°) e Lido di Camaiore (20°). A queste si aggiungono anche Lucca-Arancio e Altopascio che conquistano un posto tra i primi 150 punti Aci nazionali. Tre le aperture che hanno cadenzato il 2021 di Aci Lucca: i nuovi locali di Aci Borgo Giannotti, a gennaio 2021, l’ufficio di Aci Querceta – Seravezza (febbraio 2021) e il trasferimento di Aci Viareggio in una sede più comoda e moderna (aprile 2021).

ACI SARA. Cresce anche il settore assicurativo, con 11 Aci Point Sara sul territorio e +22% di soci rispetto al 2020 (1028 soci di cui 681 solo nel punto vendita della sede di Sant’Anna).
LO SPORT. Ampio e corposo il capitolo che Aci Lucca dedica allo sport: oltre ai tre rally di punta organizzati nel 2021, molti anche i test rally targati Aci che hanno dato la possibilità di mettersi alla prova con i percorsi più interessanti del territorio. Sono 1036 le licenze auto emesse e 206 quelle per i kart, con, rispettivamente, 60 e 58 nuovi licenziati grazie ai corsi organizzati dal Fiduciario Sportivo Provinciale, Massimiliano Bosi.

Passando all’assistenza automobilistica, sono più di 44 mila le pratiche sbrigate nel 2021, tra prime iscrizioni, mini passaggi e trasferimenti di proprietà e più di 19.600 le patenti rinnovate.
EDUCAZIONE STRADALE. A causa delle restrizioni dovute alla pandemia, Aci Lucca ha ripreso i corsi nelle scuole solo nella primavera del 2022, ma durante tutto l’anno scorso l’impegno del Club per l’educazione stradale è stato comunque notevole: sono stati organizzati corsi attraverso la didattica a distanza ed è stata lanciata una campagna di sensibilizzazione per l’uso consapevole dei monopattini elettrici. Infine, una piccola vittoria: grazie alla campagna “A scuola sicuri”, che promuove la presenza di cinture di sicurezza sugli scuolabus, nel Comune di Lucca i futuri mezzi che accompagneranno a scuola gli studenti saranno dotati degli opportuni sistemi di ritenuta. Ancora sicurezza e formazione, grazie alle 4 autoscuole Ready2Go del territorio (Fornoli, Viareggio, Pietrasanta, Castelnuovo di Garfagnana e Fornaci di Barga): il sistema innovativo, approvato da Aci Italia, permette ai ragazzi e alle ragazze che prendono la patente di seguire corsi moderni, che li preparano alla guida in ogni condizione meteo e non solo.

La 57^ Coppa Città di Lucca si correrà il 29 e 30 luglio

È pronta a confermarsi determinante per le sorti della serie regionale, la Coppa Città di Lucca. L’evento, organizzato da Automobile Club Lucca in concerto con Maremmacorse 2.0 e giunto alla sua cinquantasettesima edizione, si svolgerà venerdì 29 e sabato 30 luglio, vedendo posticipata di una settimana la collocazione originaria assegnata dai calendari sportivi nazionali.
La gara, oltre che valida come quinto appuntamento della Coppa Rally di Zona 6, assumerà un ruolo decisivo per le sorti del 17° Premio Rally Automobile Club Lucca, contesto che chiamerà alla prova “di casa” i conduttori in possesso di licenza sportiva rilasciata dall’istituzione automobilistica provinciale.

Un confronto che terrà fede alle linee che hanno contraddistinto la manifestazione nel corso degli anni e che sarà interamente dedicato alle vetture moderne. Chilometri, quelli che caratterizzeranno le prove speciali in programma, “disegnati” per abbracciare il territorio e renderlo valore aggiunto di un evento che, da sempre, vanta un deciso appeal anche al di fuori dei confini regionali, richiamando a Lucca equipaggi provenienti da tutta Italia.

Ad elevarsi nella precedente edizione della gara fu Luca Pierotti, affiancato da Manuela Milli su Skoda Fabia R5 Evo, vincitore assoluto di un confronto che ha chiamato in causa Luca Panzani e Federico Gasperetti, rispettivamente secondo e terzo su un podio monopolizzato dalla vettura boema. Centoquaranta, gli equipaggi che videro la partenza, per l’occasione ambientata all’ombra dello stadio “Porta Elisa” di Lucca. Un conto alla rovescia, quello che sta scandendo la marcia di avvicinamento alla gara, che già preannuncia interessanti novità.

È un Premio Rally Automobile Club Lucca dai contenuti vivaci

È un Premio Rally Automobile Club Lucca di grandi contenuti, quello proposto nella sua diciassettesima edizione dall’istituzione automobilistica provinciale: un solo punto di margine a decidere le due classifiche assolute – piloti e navigatori – con le strade del Trofeo Maremma che hanno confermato un trend all’insegna della massima incertezza. Con la classifica piloti “cristallizzata” dopo l’ultimo appuntamento – il Rally Il Ciocco e Valle del Serchio – ed articolata sul posizionamento di sei conduttori in soli quattro punti, l’appuntamento grossetano ha alimentato la rincorsa di Ronny Celli al vertice della classifica riservata ai navigatori, consolidata dalla conquista della seconda piazza di classe Rally5 su Renault Clio RS Line. Un solo punto, adesso, divide il codriver lucchese dal leader Fabrizio Vecoli, assente a Follonica, con le posizioni successive legittimate dalla penultima manche: Silvia Barsotti, terza, a comandare il confronto femminile verso Tania Bernardi, distante sei lunghezze. La vittoria della classe A0 di Simone Marchi, sul sedile destro di una Fiat Seicento, ha garantito lui l’avanzamento in quinta posizione, migliorando nettamente un trend che lo aveva visto conquistare un solo punto in ognuno dei due precedenti appuntamenti.

Nella classifica piloti, distanze invariate con Stefano Martinelli ancora leader seppur con un solo punto di vantaggio sull’inseguitore Andrea Simonetti. Una situazione invariata, quella espressa dopo il Trofeo Maremma, contesto che non ha fatto registrare la presenza dei piloti di vertice della serie.

A condividere la terza posizione, quindi, ancora un quartetto di piloti: Claudio Fanucchi, Riccardo Meconi, Marco Lombardi ed Enzo Oliani. Grande incertezza, quella garantita dalla kermesse all’avvicinarsi del “giro di boa”. Numeri ed agonismo che attendono evoluzioni significative nel prossimo appuntamento, il Rally Valdinievole e Montalbano in programma nei giorni 7-8 maggio.